Benvenuti nel segno   Click to listen highlighted text! Benvenuti nel segno Powered By GSpeech

Indice articoli

 

 

Il secondo approccio analizza  il panorama che potrebbe uscire dall'uso della Rete in modo non democratico :  il  Grande Fratello di Orwell oppure il carcere tecnologico del  Panopticon . Entrambe le metafore hanno come referente un potere coercitivo centrale. Il Grande Fratello esercita un potere onnipervasivo e spietato in una società fatta a sua immagine e somiglianza, un potere tramite il quale tutte le persone sono sottoposte, con mezzi "multimediali", a un controllo assoluto. Le telecomunicazioni consentono ad alcuni individui l'accesso a mezzi in grado di influenzare il pensiero e le percezioni di altri, e quell'accesso, indipendentemente da chi ne detenga il controllo, è intimamente connesso con il potere politico. Chi gode dei vantaggi politici su questa tecnologia è in grado di usarla per consolidare il proprio potere. Nel Panopticon, la combinazione di architettura e ottica permette ad una sola guardia di vedere tutti i prigionieri, senza che i prigionieri possano rendersene conto né vedersi tra loro (l'effetto auspicato è che tutti i prigionieri si comportino come sotto permanente sorveglianza). L'apparato della rete mondiale di comunicazioni potrebbe costituire una sorta di Grande Fratello o di Panopticon tecnologico (Foucault). Il mezzo, infatti, attraverso il quale  l'utente, di qualunque parte del mondo, comunica con altri individui, è lo stesso strumento attraverso il quale il potere può controllarlo ed implicitamente condizionarlo. In un percorso di informazioni a "doppio senso", è tecnicamente possibile che, come l'individuo raccoglie informazioni da Internet, eventuali organizzazioni (o privati) di interesse economico e politico possano prendere, sempre attraverso la Rete, informazioni sull'individuo. "In realtà, con i nuovi media è la relazione tra spazi privati e spazi pubblici che cambia . In un certo senso non ci sono più spazi privati, in un sistema in cui un canale video tenuto costantemente aperto, sia pure consensualmente, collega tra loro in permanenza "(9) luoghi diversi . Quindi, "l'infrastruttura comunicativa" che consente  ai cittadini la libertà di una comunicazione democratica è la stessa  che potrebbe permettere un sistema di potere totalitario tra i più inattaccabili della storia umana. Infatti, al crescere del trasferimento, nel cyberspazio, dei dati personali degli individui e del loro comportamento privato, cresce il "potenziale abuso totalitario" di queste informazioni.

 

© 2018 Nel Segno. All Rights Reserved.

Free Joomla! template by L.THEME

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech