Benvenuti nel segno   Click to listen highlighted text! Benvenuti nel segno Powered By GSpeech

Indice articoli


Il panopticon da l'impressione di essere un mondo infernale al quale nessuno può sfuggire, tanto coloro che sono guardati quanto coloro che guardano . "Un nuovo modo d'ottenere il dominio della mente sopra un'altra mente, in una maniera fino ad oggi senza esempio: e a un grado ugualmente senza precedenti, garantito da chiunque lo scelga contro l'abuso . Questa è la macchina: questo è il lavoro che si può ottenere"(14).  E' una macchina in cui sono presi tutti, tanto coloro che esercitano il potere quanto coloro sui quali questo potere viene esercitato. Il potere non si identifica più sostanzialmente in un individuo che lo possiede o che lo esercita fin dalla nascita, poiché diviene un macchinario di cui nessuno è titolare. Certo, in questa macchina non tutti occupano lo stesso posto, ed alcuni posti sono preponderanti in quanto permettono a degli individui di  esercitare la loro supremazia, ma il potere si dissocia dalla potenza individual . Il funzionamento del panopticon è, da questo punto di vista, un po' contraddittorio . C'è l'ispettore principale che, dalla torre centrale, sorveglia non solo i prigionieri, ma anche i  suoi subalterni, i sorveglianti che collaborano con lui : "…i sotto-guardiani o ispettori, il personale domestico o i dipendenti di qualsiasi genere, si troveranno inevitabilmente sotto lo stesso irresistibile controllo in rapporto al loro capo guardiano o ispettore come i prigionieri o altre persone da sorvegliare lo saranno rispetto a loro "(15) . C'è dunque la sorveglianza dell'ispettore generale sul personale d'inquadramento e, attraverso le finestre della torre, la sorveglianza su tutti, in una successione ininterrotta di sguardi che Bentham ben rappresentò nella frase "ogni compagno diventa un sorvegliante" . Si ha l'impressione un po' vertiginosa di un potere centrale che non può essere affidato a nessuno nella misura in cui nessuno può né deve essere ciò che era il re nel vecchio sistema, ovvero fonte di potere e di   giustizia . Non si deve dare la propria fiducia a nessuno se il potere è gestito come una macchina funzionante attraverso ingranaggi complessi, in cui ciò che è determinante è il posto di ciascuno, non la sua natura . Se la macchina fosse costituita in modo tale che qualcuno ne rimanesse fuori o detenesse da solo la responsabilità della sua gestione, il potere si identificherebbe in un uomo e si ritornerebbe ad un potere di tipo monarchico . Nel panopticon ognuno, a seconda del posto che occupa, è sorvegliato da tutti gli altri o da alcuni degli altri; si ha a che fare con un apparato di sospetto totale e circolante, poiché non vi sono punti assoluti . La perfezione della sorveglianza "è una somma di malanimo", ha sentenziato Foucault .

 

Tags:
© 2018 Nel Segno. All Rights Reserved.

Free Joomla! template by L.THEME

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech