Benvenuti nel segno   Click to listen highlighted text! Benvenuti nel segno Powered By GSpeech

Indice articoli

Per Foucault, attualizzare l'individuo significa, in definitiva, interrogarsi sull'autonomia del soggetto e sulle possibilità di cambiare il presente in cui si trova. Occorre denunciare i dispositivi che governano (limitano) l'esistenza degli individui, e per far questo bisogna anzitutto comprendere i "limiti attuali del necessario", ovvero capire di cosa non ha bisogno l'individuo per essere autonomo. Solo attraverso la critica, la denuncia delle forme di governo che plasmano la vita individuale, è possibile imparare a  governare se stessi, in modo tale, però, che il governo di se stessi non venga concepito "in astratto, sulla base di canoni universali" (Foucault rimuove un concetto chiave del pensiero kantiano che, invece, Habermas assume come punto essenziale della sua elaborazione teorica). L'autonomia, secondo Foucault, è quella  differenza(12), partorita dal presente, che non può essere "soppressa" da alcun principio normativo a priori . L'illuminismo di Foucault, quindi, che non si fonda su valori universali, è l'esatto opposto dell'universalità contenuta nel concetto habermasiano di ragione comunicativa . Secondo Habermas, in ogni azione comunicativa vengono fatti impliciti richiami ad affermazioni universalmente valide che delineano le procedure attraverso le quali si possono risolvere i motivi di disaccordo tra individui, appellandosi alla comprensione comune di ciò che è ritenuto vero, giusto o bello .  Foucault non ha la preoccupazione di Habermas di  accomunare tutti gli individui, ed è per questo che, affidando la formazione del legame sociale alla "forza spontanea dell'attualità", conclude che gli individui sono incapaci di giungere a un patto che progetti modelli di relazione comunitaria . La pratica foucaultiana di esercizio della critica e ricerca dell'autonomia non si attua in uno spazio pubblico .  Se Habermas ritiene che la mancanza di connessione tra le morali degli individui porti soggetti isolati a far valere i propri diritti senza tenere in alcun conto quelli degli altri (la perversione reazionaria di un conservatorismo partorito nella solitudine), Foucault privilegia il ripiegamento individuale del soggetto, lo spazio privato, poiché è convinto che solo in quella dimensione è  possibile una coerenza etica, "impenetrabile e sfuggente" com'è l'individuo nel momento in cui deve elaborare regole comuni . "Foucault…wishes to bring the private  into the sphere of the public , effectively banishing the distinction . This would bombard the status quo with a multiplicity of oppositional voices ; the 'status quo' would be dethroned . Instead of a central regulating power structure producing regimes oh truth, there would be many temporary and competing local power struggles"(13).

I  valori liberali (fondati sulla distinzione, tra pubblico e privato, che dovrebbe proteggere l'individualità e la sua autonomia) sono intesi, da Foucault, come componenti essenziali del regime disciplinare, come norme e mezzi attraverso cui operano la disciplina e la normalizzazione . Per tale ragione non ha senso, ai suoi occhi, la distinzione tra pubblico e privato, poiché tali spazi sono entrambi effetti del potere . Egli ritiene che lo spazio della politica non possa essere predeterminato poiché è necessario che ogni individuo sia libero di sollevare la più ampia serie di questioni politiche, che esulino anche dagli ambiti prescritti dalla legge : "questions about women, about relations between the sexes and forms of desire about medicine, about mental illness, about the environment, about minorities, about delinquency . These kinds of questions are kept silent by the public/private distinction, but the ability to ask these sorts of questions, to see these issues as relevant to political and public concerns, is precisely what is at stake in a politics of difference"(14) .

Tags:
© 2018 Nel Segno. All Rights Reserved.

Free Joomla! template by L.THEME

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech