Il problema politico della rete - Agire comunicativo


In particolare, il modello ideale dell'agire comunicativo, che presuppone l'esistenza di un ambiente in cui gli attori hanno la possibilità di interagire con il  quotidiano "mondo della vita", sembra entrare in  contrasto  il modello  della comunicazione telematica . Da un lato, infatti, il modello dell'agire comunicativo implica che

"a) che  gli attori possano agire in compresenza fisica e reciproca visibilità ;
b)  che gli  attori possano pubblicamente esporre, senza timori o apprensioni di sorta, le motivazioni personali che sono alla base di loro giudizi o scelte;
c) che ci siano le condizioni in grado  di assicurare a tutti gli attori partecipanti le  stesse opportunità - in termini, per esempio, di tempo messo a disposizione - per esprimere le proprie opinioni e argomentare in difesa delle proprie idee "(6) .

Dall'altro, praticamente agli antipodi, si pone il modello di comunicazione telematica che si definisce
a) nella negazione della presenza fisica e della reciproca visibilità ; 
b) nell'occultamento della propria identità ;
c) nella quasi impossibilità di verificare l'equa opportunità di espressione per gli utenti-partecipanti.

I media intervengono a "colonizzare" pericolosamente la sfera pubblica della società democratica, determinata da "accesso  aperto, partecipazione volontaria, partecipazione al di fuori dei ruoli istituzionali, generazione di opinione pubblica mediante riunioni di cittadini impegnati in discussioni razionali, libertà di opinione, di discutere questioni di stato e di criticare il modo in cui è organizzato il potere dello stato "(7),  riducendo a "prodotti usa-e-getta"  gli individui e le idee, i comportamenti individuali e le decisioni politiche. La politica diventa una "merce" fra le altre, i cittadini diventano "consumatori" e la soluzione dei problemi migra, sotto forma di "evento", nello "spazio dell'intrattenimento", dove la società si è trasformata  in "spettacolo" . Nella società dei consumi, il dibattito è degenerato in pubblicità, e la pubblicità usa il potere sempre maggiore dei media elettronici per alterare le percezione e modellare le  idee . Lo strumento, che dovrebbe servire per una autentica comunicazione, è impiegato per aggiornare il desiderio commerciale.
Proiettare questa situazione contemporanea nell'immediato futuro significa che, nel momento in cui si accentuerà la distanza tra "ricchi e poveri di informazioni", i ricchi potranno permettersi servizi informativi senza pubblicità, mentre i poveri dovranno sempre più barattare la propria esposizione al messaggio pubblicitario con le informazioni ricevute . Molte persone saranno disposte (ma potrebbe anche essere "costrette") a vendere la  loro privacy al migliore offerente (8) . Il timore maggiore è nei confronti di una  incombente democrazia plebiscitaria, istantanea, in cui le decisioni politiche verranno prese per mezzo di un sistema computerizzato di sondaggi ed  elezioni elettroniche. Il grande problema è che il plebiscitarismo, frutto della "democrazia delle emozioni" (il più alto grado di condizionamento dei cittadini), è compatibile solo con una politica autoritaria in cui la commercializzazione e  la mercificazione del dibattito pubblico si rafforzano nella  sempre maggiore sofisticazione dei mezzi di comunicazione.

 

 

SCARICA LA TESI
VERSIONE INTEGRALE
© DOWNLOAD