Arendt, Habermas e la tradizione liberale

La virtù principale del modello discorsivo di spazio pubblico habermasiano è la sua radicale indeterminatezza e apertura . Se comparato al modello arendtiano, il modello di Habermas non limita l'accesso alla sfera pubblica né stabilisce gli argomenti del pubblico dibattito. Se comparato al principio dell'imparzialità di Ackerman, il modello dello spazio pubblico discorsivo si distingue ulteriormente in quanto cattura la dinamica e gli aspetti della rinegoziazione collettiva continua di certe distinzioni come quelle tra "il giusto ed il bene" .
Il principio della partecipazione è il requisito di partenza . Nell'ambito sociale,  personale e culturale, la capacità o lo sforzo di autocritica ed il contributo dell'individuo all'intreccio di un percorso coerente comune, diventano cruciali . "Perché una norma sia giusta, tutti coloro che la seguono devono in linea di principio avere una voce effettiva nella riflessione su di essa ed essere messi in grado di aderirvi senza coercizione . Perché una situazione sociale sia giusta, essa deve mettere tutti in grado di soddisfare i propri bisogni e di esercitare la propria libertà ; in altre parole, la giustizia  esige che tutti abbiano la possibilità di esprimere i propri bisogni"4 . Il principio di partecipazione, che enfatizza la determinazione di norme di azione attraverso il dibattito di coloro che a quelle stesse norme sono soggetti, ha il vantaggio, rispetto alla concezione della virtù civica o repubblicana (Arendt), di articolare lo scontro politico in stretta aderenza alla realtà delle complesse società moderne . Lo spazio pubblico non è inteso agonisticamente come uno spazio di competizione per l'acclamazione e l'immortalità di una élite politica ; è visto democraticamente come spazio della creazione di procedure attraverso le quali gli individui possono esprimere la loro opinione per contribuire al perfezionamento, al cambiamento o alla definizione di norme generali sociali e di decisioni politiche collettive . Questo concetto di spazio pubblico diverge anche da quello liberale : benché Habermas creda, come i pensatori liberali,  che la legittimazione in una società democratica risulti solo da un dialogo pubblico, nel modello habermasiano questo dialogo non si sottopone al giogo della costrizione dell'imparzialità, ma si fonda sui criteri di un "discorso funzionale" . La sfera pubblica viene alla luce ogni volta ed ovunque gli individui coinvolti dalle norme politiche e sociali dell'azione si cimentano in un discorso funzionale che valuti la validità di quelle norme . Quasi a dire che ci potrebbero essere diversi tipi di pubblico quanti sono i dibattiti generali sulla validità delle norme .
Il modello del discorso intende il dialogo normativo come una relazione tra individui nei limiti delle regole di una situazione ideale . I limiti procedurali dell'ideale situazione di dialogo sono che ogni partecipante deve avere una eguale possibilità di iniziare e continuare la comunicazione, di fare asserzioni, raccomandazioni e spiegazioni, di esprimere desideri, sogni, e sentimenti : ma soprattutto, nel dialogo, chi parla deve essere libero di criticare quelle relazioni di potere che, in contesti ordinari, riducono la libera formulazione delle opinioni e delle posizioni . Insieme, queste condizioni specificano le regole di comunicazione della "reciprocità egualitaria" secondo la quale la distinzione tra la giustizia ed il concetto di bene, le norme e i valori, gli interessi ed i bisogni sono interni, e non esterni al processo di una discorsiva formazione della volontà . "In assenza di un re-filosofo che abbia accesso a verità normative trascendenti, l'unico terreno su cui si può fondare l'affermazione che una certa  linea o scelta politica è giusta è la garanzia che quella scelta sia stata compiuta da un pubblico che realmente ha favorito la libera espressione di tutti i bisogni e di tutti i punti di vista presenti al suo interno . Un pubblico sottoposto a dittatura, un pubblico manipolato dai burocrati e il pubblico dei media, che hanno scarso accesso diretto all'informazione e alla comunicazione, non danno tale garanzia . Una deliberazione ha maggiori probabilità di portare a un'equa distribuzione delle risorse, a giuste regole di collaborazione, alla migliore e più giusta divisione del lavoro e definizione delle posizioni sociali, se coinvolge  l'aperta partecipazione di tutti coloro che saranno toccati da quelle decisioni . Idealmente, in questa situazione partecipativa, io potrò persuadere gli altri solo se saprò formulare le mie proposte fondandole su un'idea di giustizia, perché gli altri mi chiameranno a renderne conto se gli sembrerà che i loro interessi ne siano minacciati . In questa situazione, inoltre, ci sono maggiori probabilità di trovare chi ha da fornire informazioni pertinenti . Un processo decisionale democratico, insomma, tende a promuovere risultati giusti, perché è quello che più di ogni altro introduce nel processo decisionale la considerazione della giustizia e perché è quello che massimizza il sapere collettivo e le prospettive che sono pertinenti ala riflessione sulla scelta politica in questione"5 .

SCARICA LA TESI
VERSIONE INTEGRALE
© DOWNLOAD