Colori Proibiti [Yukio Mishima]

Una profonda immersione nell'uomo. Una tra le più profonde immersioni nella mascolinità che mi siano mai capitate.

Non avendo le bombole, si è trattato di pericolosa apnea. 

"Nell'indifferenza freme il guizzo sottile della sensibilità, nell'immortalità un senso etico minacciato, nell'apatia un vigoroso impulso"

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Ma l'immenso mare, che si cullava stranamente vicino, pareva placarlo. Penetrando veloce e con astuzia fra gli scogli, giungeva talvolta fino a lambirlo, scorreva nel suo essere, tingeva di azzurro il suo intimo... e poi ancora si ritraeva."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Come un uomo chiamato alle armi si affanna a pensare in che modo trascorrere piacevolmente il tempo che gli rimane prima di presentarsi e finisce per non far niente, così la voluttà richiede la premessa della mancanza di limiti e il timore della noia."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"...chi non si mostra imbarazzato, mette in imbarazzo l'interlocutore."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"L'attimo in cui l'anima, gettata la pesante veste, diveniva nuda, aveva aggiunto all'estasi dei sensi di Yuichi un impeto trasparente, che il corpo quasi non bastava a contenere."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"L'essere umano, quando ama, si accorge di quanto quel sentimento sia incontrollabile, e sussulta al pensiero della vita quotidiana condotta fino a quel momento senza accorgersene."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Come la bellezza della natura ha un ascendente sugli esseri umani, così tu hai un ascendente sulle donne grazie alla tua completa mancanza di sentimento."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Pare che nel volto degli omosessuali ci sia una incancellabile solitudine."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Il corpo maschile è come un poggio in una chiara pianura, da cui la vista può spaziare fino all'infinito. Non possiede, come il corpo femminile, le meraviglie di una piccola sorgente, che si può incontrare subito quando si passeggia, oppure inoltrandosi nel profondo di grotte ricoperte da meravigliose stalagmiti. Semplicemente superficie, incarnazione di una bellezza puramente visiva."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Nell'ardente curiosità dell'inizio è puntato tutto l'amore e il desiderio; in seguito, o l'amore affonda nello spirito o non ha altra alternativa che trasferirsi con leggerezza su un altro corpo."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Ormai la bellezza non impone più il silenzio."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Quando ci accostiamo a un'opera antica, sia per lo spazio artistico, sia per il tempo artistico, diveniamo prigionieri del tempo e dello spazio di quell'opera e sospendiamo, se non abbandoniamo del tutto, le parti della nostra vita moderna che risultano estranee a quella nuova dimensione spaziotemporale. Viviamo un'altra vita."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"I piaceri di questa specie sono sempre accompagnati da una certa amabile disarmonia: secondo la mirabile immagine di Saikaku:«I divertimenti con i giovani sono come una volpe che dorme coperta dai fiori caduti»."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"In quei momenti la gioia di possedere una cosa tanto bella gli penetrava nell'anima e gli pareva assurdo che a questo mondo non fosse lecita una forma di possesso che escludesse il desiderio di ferire ciò che si possiede."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Per un'infelice abitudine, quand'era agitato da qualche emozione, guardava subito l'orologio. Era preoccupato di sapere fino a quando sarebbe durata e provava sempre sollievo notando che qualsiasi felicità scompariva dopo soli cinque minuti. Chiuse gli occhi per il terrore."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

 "Tuttavia la vittoria è sempre della mediocrità."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Allora la farfalla, sfinita, urta un paesaggio in cui è dipinto un bosco e perde i sensi."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"Essi conoscevano la loro bellezza e sapevano di essere adatti solo alla tragedia."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

"La religione è l'illusione del raggiungimento, la scienza è la tecnica del raggiungimento. La bellezza, al contrario, è sempre la sponda vicina. In questo mondo, è presente di fronte a noi, possiamo toccarla con mano. Condizione preliminare della bellezza è che i nostri sensi la possano gustare. Per questo i sensi sono importanti. Accertano la bellezza. Ma non possono assolutamente raggiungerla."

 (Yukio Mishima, Colori Proibiti, Mondadori, 2000)

Libro in sorte

Primavera di bellezza [Beppe Fenoglio]Primavera di bellezza [Beppe Fenoglio]
17 Mar 2015 07:48

Il periodo storico in cui si vive, la cultura in cui si è immersi e le consuetudini attraverso  [ ... ]

Racconti umoristici e satirici [Heinrich Böll]Racconti umoristici e satirici [Heinrich Böll]
17 Mar 2015 09:02

Vivere della propria risata, venderla e poi non riuscire a ridere più nel privato. Conservare p [ ... ]

Nemico, Amico, Amante... [Alice Munro]Nemico, Amico, Amante... [Alice Munro]
16 Lug 2015 20:58

Alice Munro ti regala bordate. Colpi scagliati con leggerezza che risvegliano dal torpore. Reite [ ... ]